LA STORIA - PROLOCO ROIANO DI CAMPLI

Vai ai contenuti

Menu principale:

LA STORIA
LA STORIA DI ROIANO

                        


Il paese di Roiano si trova nell' ambito del Comune di Campli , a circa 700 metri di altezza sul livello del mare (689 s.l.m) lungo una stada che si diparte dalla Srada Statale n.81 << Piceno - Aprutina>> , tra i chilometri 26 e 27 , tocca Collicelli, Roiano ,Villa Gesso ,Putignano, e poi torna ad immettersi nella medesima strada bPiceno Aprutina al chilometro 31 circa (Piano della lenta ).

Al dire del Palma ,il nome di questa villa deriverebbe dal fatto di essere appartenuta alla famiglia romana degli Arrj (come pure Riano o Ariano del Comune di Rocca S.Maria ), ma poi accenna pure alla possibile etimologia da Ara Jani.A seguito della gravissima pestilenza del 1527,passato alla storia con la qualifica di " Anno del morbo" che fece tante vittime in Italia e in tutta la Europa , tra noi si costruirono moltissime chiese , cappelle , altari e semplici cone , in onore di S. Rocco , venerato come Protettore contro la peste ; anche a Roiano di Campli sorse una chiesa in onore del Santo ,ma le spese furono sostenute dall' unico Bartolomeo Ciaffoni .

E poichè siamo a parlare di chiese ,aggiungiamo subito che nella contrada Fonte Martina , sempre nelle pertinenze di Roiano , sorgeva la chiesa di S. Antonio Abate la quale però più precisamente si trovava nell' ambito del feudo di Melatino .

Troviamo notato che ingenti spese costarono alle dissanguate Università o Comuni la permanenza dei soldati nel loro territorio , in vari tempi .Tra l' altro per quel che ci riguarda ,nel 1588 l' Università di Campli dovette fornire il vino agli Spagnuoli che si battevano contro i briganti che si erano asserragliati nella villa di Roiano .Non è a dire quanto il misero paesetto avesse a soffrire dalla presenza del briganti,e poi dalle rappresaglie dei soldati .

Nella creazione della nuova Diocesi di Campli Papa Clemente VIII nella sua bolla del 12 maggio 1600 ne traccia i confini , e menziona le varie parrocchie che dovevano entrare a farne parte e costruirla ; tra queste si legge anche il nostro paese di Roiano.

Nell' anno 1603 le frazioni di Battaglia , Roiano , Garrano , Campiglio e Masseri ,che si trovavano unite a Campli , concordemente a S.Pietro, Monticello e Ponzano che erano annessi a Teramo ,facevano ricorso alla Regia Camera della Sommaria per ottenere di potersi riunire insieme e ricostruire l' antico feudo di Melatino.

Alla radice dei monti sotto la grotta detta di S. Erasmo ,Presso Roiano ,vicino al fiumicello , in passato si ebbe dal Cimaltese e dal Poggio una grande frana ,come nota il Palma , che dovette minacciare e danneggiare anche l' antico paese di Roiano , ed il vetusto monastero di S. Mariano ,per cui l' uno e l' altro si dovettero ricostruire in siti più sicuri .Ed il Palma aggiunge :<<Ho per vera siffatta emigrazione anche al riflettere che nè dintorni dell' antico S.Mariano si trovano le principali possesioni della Badia ,comechè diminuite dopo una certa permuta anche con il canonica Andrea Fumi ,Vicario generale di Campli.>>

Il capobrigante Cocciarecchia , e cioè Galli Pasquale di Campli , piu' volte assalì Roiano per estorcere denaro dalle famiglie del paese .Il 12 Luglio 1809 si recò in casa di Giuseppe Mariani , ma gli uomini erano fuggiti , e le donne non riuscirono a raggranellare la somma pretesa da quello , per cui questo si portò via con se nella selva un giovinetta a cui , per sua custodia si aggiunse una zia .

Non si sa perche' ,il giorno appresso il brigante rimandò libere le due donne .Ma il giorno stesso (13 luglio 1809) nel medesimo sito di colle Rancone il Cocciarecchia fu ucciso con 3 colpi di sciabola da Pasquale di Berardo ,di Roiano e da due uomini di Molviano : un tal Angelomidio e un tal Cicorietto.

Da quanto Roiano fu unito a Campli , fu considerato una cosa sola con la frazione di VENALI , che prima aveva fatto parte del regno di Morricone mentre Roiano faceva parte del Feudo Il Melatino.

Recentemente abbiamo avuto queste notizie : Vi è la chiesa dedicata a S.Maria ; Roiano conta circa trecento abitanti e dista 6km da Campli e a 5 km da Campovalano ;

vi sta l' albergo "La Collinetta" , la Sartoria Scatasti Dino ,una cantina presso Pilotti Aldo ; il Telefono si trova presso Caricilli Gilda ;la sua strada venne afaltata verso il 1966; si tratta della strada TERAMO -VALLE CASTELLANA , che sopra abbiamo in parte descritto , ma che al presente è asfaltata fino a Roiano e poi è una strada bianca .

Tratto da un articolo di Giornale " PASSEGGIATE ABRUZZESI : ROIANO " da cui è molto difficile risalire all' anno , ma possiamo dire che è stato scritto da GIULIO DI NICOLA , perchè porta la sua firma.
Altri cenni Storici    "S.Vitale"

La prima chiesa ora distrutta, fu la chiesa di S.Antonio Abate di Roiano in Melatino che esisteva nelle pertinenze delle Venali (Venales ) vicino Collicelli ed in contrada di Fonte Marina .Il villaggio Le Venali era fuor del territorio feudale dei DI MELATINO , ed ebbe la propria Chiesa parrocchiale in S.Maria di Alvenano .

LE-VENALI e ROIANO "compongono un sol villaggio ,fin dal tempo ,....furon essi riuniti al tenimento di Campli ,mentreche' la mentovata Chiesa ha la cura di tutti e due .."

Al presente ,nell' ambito parrocchiale ,fuori dal paese , c'è una Chiesa molto antica (pare del 1150).Ed è nell' elenco degli edifici da conservare .Da alcuni anni a cura del Genio Civile di Teramo sono state rinforzate le fondamenta e riparato il tetto. Però detta chiesa è chiusa al culto da parecchi decenni , da quando la nuova chiesa parrocchiale è stata costruita entro l' abitato (S.Maria ad Venales ).
La Chiesa di S.Maria ad Venales è di impianto cinquecentesco ristrutturata nei secoli seguenti.Nella chiesa si conserva una bella statua fittile di MADONNA ASSISA in terracotta della scuola nocellese.Sono ubicati, all' interno della chiesa ,resti di affreschi datati 1604 .(Clicca qui per scaricare la vita di S.Vitale )
Come documentano le immagini che seguono , Roiano ha avuto un incremento di popolazioni ed abitazioni a partire dal 1935 .
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu